Sara Bevilacqua

Sara Bevilacqua

Intervista all'artigiano | Abbiamo parlato con Sara del futuro della moda sostenibile, documentati anche tu per vedere cosa ne è venuto fuori!

Giulia Tamburini Lettura Sara Bevilacqua 6 minuti Prossimo Giulia e Lorena

Sara Bevilacqua è una stilista italo-argentina, ricercatrice universitaria e fondatrice di Studio Azar.
Azar è un marchio artigianale slow fashion di accessori in pelle accuratamente intrecciati a mano a Barcellona.
Dopo aver lavorato per più di 10 anni nel settore della moda, Sara ha deciso di intraprendere una nuova strada, dove passione creativa ed etica non escludersi a vicenda, ma crescere insieme.

Abbiamo parlato con Sara del futuro della moda sostenibile, documentati anche tu per vedere cosa è venuto fuori.

Borsa non finita - Azar studio
Sara Bevilacqua - Finitura della borsa

Ciao Sara, grazie per l'intervista.

Quando e perché avete fondato Azar? Cosa ti ha spinto a diventare responsabile di tutti i processi di creazione dall'ideazione alla realizzazione?

Ho lavorato per più di 10 anni nel settore della moda e questa esperienza mi ha aiutato a capire quanto sia alienante lavorare nel ciclo "produrre per vendere" , creando nuove cose ogni settimana e perdendo buona parte del processo di sviluppo di quei modelli. hai creato. È estenuante e ti lascia con la sensazione di non contribuire al benessere di nessuno: non sei del tutto soddisfatto di ciò che crei, non lo senti, né impari dal processo , e non puoi avere un contatto personale con il risultato finale. cliente, quindi non sei nemmeno sicuro di renderlo felice.

Così ho deciso che se avevo intenzione di intraprendere la strada accidentata di avere un mio marchio, l'avrei fatto seguendo il mio approccio personale . Significa essere responsabile dell'intera creazione, dall'idea al prodotto finale.

Ho fondato Azar Studio alla fine del 2018. In quel momento ho lasciato il mio precedente lavoro e ho iniziato a dedicare la maggior parte del mio tempo a questo progetto.

Ritratto di Sara Bevilacqua

Qual è il primo prodotto che hai disegnato e realizzato per Azar? Raccontaci qualcosa a riguardo, quanto tempo hai impiegato la fase di prototipazione e testing?

Ho iniziato con un mucchio di idee iniziali, che erano esercizi necessari per arrivare dove volevo arrivare. E poi la borsa Tamara è stato il primo prodotto di cui mi sono fidato a lanciare là fuori. Quindi non potrei davvero dire quanto mi abbia richiesto la prototipazione; senza quelle idee iniziali che mi hanno impegnato circa un anno, probabilmente non mi sarebbe venuta in mente nemmeno Tamara. Disegnavo molto, leggevo tutti i libri possibili che trovavo, recuperavo alcuni appunti della scuola tecnica e intrecciavo molto.

Per far sì che la borsa fosse come appare oggi, perfezionando le proporzioni e trovando la corretta qualità della pelle, mi ci sono voluti 6 prototipi , il che significa mesi di lavoro. Ma Tamara era già nella mia mente, “esisteva” già.

Borsa Tamara di Azar Studio

Cosa diresti ad un potenziale cliente per convincerlo ad acquistare un prodotto Azar?

I prodotti Azar sono realizzati con amore durante l'intero processo . E credo che l'amore arriverà nelle mani dell'acquirente con il prodotto che acquista e durerà per tutta la sua lunga vita.

So che uno stratega di marketing probabilmente riderebbe della mia risposta. Esistono così tante tecniche per inseguire le persone là fuori e convincerle a comprare le tue cose. Ma non voglio entrare in questo argomento. Gli stessi valori che mi hanno portato a lavorare seguendo le mie sensazioni interiori sono quelli che spero possano motivare le persone ad acquistare ciò che faccio .

Spero di avere clienti consapevoli, persone che rispettano se stesse, che lavorano per costruire la vita che desiderano e che vogliono veramente pagare per un prodotto che è stato creato e realizzato consapevolmente .

Dettaglio dello spazio dell'Azar Studio Dettaglio dello spazio dello studio Azar
Dettaglio dello spazio dello studio Azar

I tuoi prodotti hanno nomi femminili. Perché? Chi (o cosa) ti ispira nella scelta di quei nomi?

È iniziato spontaneamente. Ogni volta che creo un nuovo prodotto, all'improvviso mi viene in mente il nome di una donna. Sono tutti nomi di donne vere. Donne che sono state o sono importanti nella mia vita, o persone di cui ho letto, che mi hanno ispirato.

Mia affronta l'Azar Studio

Da quando ci siamo incontrati a Barcellona nel 2019, sono successe molte cose. La Pandemia ha in qualche modo influenzato la tua attività? Cosa hai imparato in questo periodo? Le tue considerazioni.

Wow, sì, sono successe molte cose dalla tua visita.

Assolutamente sì, la pandemia ha comportato un calo importante delle vendite e del flusso di lavoro. Il brand era in una fase abbastanza embrionale anche prima che iniziasse la pandemia, quindi effettivamente ci ha colpito molto in questo senso. I miei prodotti sono interamente realizzati a mano e realizzati in vera pelle ; i loro prezzi non sono bassi, non possono essere bassi considerando le ore che investo nella realizzazione di ognuno di essi. Quindi capisco che le persone avessero paura di investire soldi in qualcosa che non erano sicure di poter indossare, considerando le rigide regole di lockdown che abbiamo dovuto affrontare nei diversi scenari mondiali.

Ma ho continuato comunque a lavorare. Ho continuato a rilasciare alcuni nuovi prodotti. In realtà mi ha aiutato ad affrontare il lato psicologico della pandemia. Il lavoro può essere terapeutico quando lo ami.

E dopotutto devo dire che, nonostante lo stop dei saldi, ho avuto la conferma che mantenere basse le scorte e produrre parte dei prodotti su richiesta , che era la strategia che avevo scelto fin dall'inizio, era la strategia corretta. Semplicemente ho prodotto meno di prima. E potrei dedicare parte del mio tempo anche ad altro. Quindi mi ritengo fortunato, tutto sommato.

Vetrina della borsa ambra di Azar studio

Secondo te, oggigiorno è necessaria una svolta in termini di abitudini di consumo? Se sì, come? Cosa ti auguri per il futuro dell’artigianato?

Assolutamente. Penso che il modo più efficace per creare diverse abitudini di consumo sia coinvolgere il più possibile il cliente nel processo di creazione. Se le persone sapessero quanto lavoro c'è nel produrre le materie prime, nel creare un prodotto, nello svilupparlo finché non è pronto, rivaluterebbero quanto lo pagano. Ma non solo. Ne rivaluterebbero anche i tempi. Purtroppo siamo cresciuti nel mondo della solidità. Ma un prodotto ben realizzato è l’antitesi della solidità . Deve maturare prima di essere lanciato sul mercato.

Quindi penso decisamente che l’artigianato abbia molto da insegnarci, per creare una nuova cultura del consumo. Non solo per quanto riguarda il work-in-progress del prodotto, che è così importante e istruttivo per i clienti, credo. Ma anche, e forse soprattutto, in materia di made-to-order. Gli artigiani hanno lavorato con questa modalità produttiva per millenni. E questo è uno strumento molto potente per distogliere le persone dagli acquisti impulsivi e per aiutarle a valorizzare i tempi delle cose.

Penso che il modo più efficace per creare diverse abitudini di consumo sia coinvolgere il più possibile il cliente nel processo di creazione.

Sara Bevilacqua – Fondatrice di Azar Studio

Ottieni il tuo oggi

Azar StudioBorsa Tamara
Prezzo di vendita$237.00 USD
Venduto

La nostra comunità

Incontra l'artigiano

Controlla la loro pagina per scoprire di più sulla loro tecnica e sui prodotti nel nostro negozio!