Giulia Tamburini in her jewellery studio

Giulia Tamburini

Intervista all'artigiano | Creare gioielli è un'arte. Nel 2010 Giulia Tamburini lancia il suo marchio e dal 2020 il fratello Francesco aiuta nell'attività. Facciamo una chiacchierata con questi ragazzi!
Valentina Mavela Lettura Giulia Tamburini 4 minuti Prossimo Sara Bevilacqua

Creare gioielli è un'arte, Giulia Tamburini lo sa bene.
Subito dopo aver scoperto la sua passione per l'oreficeria, frequenta la scuola per orafi di Firenze per poi continuare a studiare lavorando presso la gioielleria Anaconda di Milano.
Nel 2010 ha lanciato il suo marchio. Dal 2020 aiuta nell'attività il fratello Francesco.
Facciamo una chiacchierata con questi ragazzi!

Giulia Tamburini nel suo studio

Ciao Giulia e ciao Francesco, è un piacere chiacchierare con voi. Come descriveresti in poche parole i gioielli Giulia Tamburini?

Tra lime, bulini e frese, nel nostro laboratorio orafo troverete balene trasformate in oro , arcobaleni di tormaline montati in rosari e gemme e rametti d'argento. Da dodici anni realizziamo gioielli interamente a mano, continuando le tecniche dell'artigianato orafo fiorentino.

Giulia Tamburini nel suo studio vende i suoi gioielli
Giulia Tamburini Gioielli

Giulia, cosa ispira le tue creazioni? Raccontaci un po' del tuo processo creativo dall'ideazione alla realizzazione. Qual è la parte che ti piace di più?

Una foto, un dipinto, un batacchio, la forma di una foglia: tutto ciò che mi circonda può essere fonte di ispirazione , oppure lo spunto per un nuovo gioiello.
I prossimi passi sono schizzi e prototipazione.
A seconda della tipologia del gioiello valuto il tipo di tecnica da utilizzare, che sono principalmente due: La tecnica della fusione a cera persa , che inizia scolpindo la cera, prima di realizzare il calco in gesso dove viene fuso il metallo. Oppure un altro modo è lavorare direttamente il metallo , che viene fuso e trasformato in sottili fili e lastre, quindi modellato, saldato, forato o inciso.
La parte che preferisco di tutto questo processo è quando vedo che un'ispirazione si sta trasformando con successo in un progetto concreto, quando il gioiello prende esattamente la forma che avevo in mente.

Giulia Tamburini Tecnica della Cera Persa
Giulia Tamburini Tecnica della Cera Persa
Orafa Giulia Tamburini

Adoriamo la collezione di cartoline disegnate da Ettore Tripodi! Come vi siete conosciuti e come è iniziata la vostra collaborazione?

Prima di trasferirmi nel nuovo atelier-laboratorio in Viale Piave 5 a Milano, ho condiviso per molti anni uno spazio con altri artisti. Lavoravano in campi molto diversi: dalla fotografia, alla pittura, ai video in stop motion, alla lavorazione del legno.
Tra questi c'era l'amico Ettore Tripodi , artista e cofondatore dell'agenzia creativa Mammafotogramma ; con lui abbiamo dato vita al progetto delle “cartoline gioiello”, dove i gioielli prendono vita nei disegni, creando un mondo magico e un po' ingenuo, dove regnano creatività e fantasia.
Pertanto la cartolina fa parte della confezione e può essere utilizzata per lasciare un messaggio. Ognuno racconta una piccola storia, dove il gioiello gioca un ruolo importante: ad esempio il disegno di uno stormo di uccelli in cui si possono distinguere tre piccole rondini d'argento .

Giulia Tamburini cerca collana casa
Giulia Tamburini sorriso strappa collana scaccia lacrime

Raccontaci nel dettaglio di uno dei tuoi gioielli preferiti. Come è nato? Perchè ci sei particolarmente affezionato?

Non ne ho uno preferito, mi piacciono le nuove sfide tecniche quindi tendo a sperimentare pezzi molto diversi.
Se devo scegliere direi che ho due preferiti:
La prima è la collana Petra , che fa parte della collezione di trafori denominata Roma, ispirata ai motivi delle arti mediorientali. È una delle prime collezioni che ho realizzato, che mi accompagna da molti anni e continua ad essere molto apprezzata.
La seconda è la collana Giona , una piccola balena montata su pendente. Mi sono sempre sentito legato a questo animale, presente anche nel nostro logo. Non è stato facile trasformare un animale così grande e ingombrante in un gioiello armonico, forse proprio per questo è uno dei miei pezzi preferiti!

Collana Giulia Tamburini Giona Balena
Collana Giulia Tamburini Giona Balena

Francesco, quali sono le differenze tra gioielli fatti a mano e gioielli industriali? È difficile comunicarlo alle persone?

Ebbene, c'è una bella differenza tra un gioiello disegnato al computer, fatto a macchina, e uno disegnato e realizzato a mano: il primo non ha un'impronta manuale, quindi è più preciso, ma anche asettico e industriale.
Un gioiello artigianale è unico, con una storia, è un oggetto vivo che sa legare con chi lo indossa.
In realtà uno dei motivi per cui abbiamo creato un laboratorio aperto all'interno dell'atelier è stato quello di permettere ai nostri clienti di vedere dove e come prendono forma i gioielli.

Giulia Tamburini Orecchini Rondini rondini orecchini
Giulia Tamburini Orecchini Rondini rondini orecchini

L’artigianato permette anche quella personalizzazione oggi molto richiesta, difficile da offrire per chi produce industrialmente.
Si sa, in termini di comunicazione la sfida è proprio raccontare cosa significa acquistare un gioiello pensato, disegnato e realizzato interamente a mano, anche a chi non può venire a trovarci di persona.

Orecchini ricci di mare Giulia Tamburini riccio di mare orecchini
Orecchini ricci di mare Giulia Tamburini riccio di mare orecchini
La mia parte preferita di tutto questo processo è quando vedo che un'ispirazione si sta trasformando con successo in un progetto concreto

Giulia Tamburini – designer e creatrice di gioielli

Ottieni il tuo oggi

Giulia TamburiniCollana Zodiaco
Prezzo di vendita$240.00 USD

La nostra comunità

Incontra l'artigiano

Controlla la loro pagina per scoprire di più sulla loro tecnica e sui prodotti nel nostro negozio!